Morire per l’Europa

Nel nostro numero di Eureka vogliamo anche ricordare l’assassinio di Jo Cox, la prima persona morta per l’Europa. Il sogno del progetto federalista deve continuare anche in nome di quelle persone che, come lei, hanno avuto il coraggio di schierarsi contro una cieca visione nazionalista, fomentata dall’odio e dalla paura, nella speranza di contribuire a un futuro migliore per tutti.

 

L’assassinio di Jo Cox, deputata laburista anti-Brexit, per mano di un nazionalista inglese che ha motivato il suo folle gesto urlando “Britain first”, rappresenta un punto di svolta nell’immaginario collettivo europeo. Finora nessuno era morto per l’Europa. Per la prima volta, nei suoi settant’anni di vita, l’Europa piange un suo morto.
La costruzione europea è un grandioso processo storico, che si differenzia da altri grandi processi del passato, perché segna il passaggio dallo stato nazionale, come fonte esclusiva della sovranità e della democrazia, ad una nuova formazione che rende possibile la condivisione della sovranità e della democrazia in un’area pluri-statale: ein Staat der Staaten, per dirla semplicemente con le parole dei ragazzi della Rosa Bianca.
Questo processo si è differenziato  profondamente dagli altri processi storici proprio su un punto preciso: la battaglia per l’unità europea è stata, in questi 70 anni, una battaglia della ‘ragione’. Che non ha scatenato la passione che ha nutrito i precedenti processi, che non ha avuto bisogno di morti e di martiri, come quelli che ci sono stati nella lotta contro l’assolutismo monarchico o per la libertà e la sovranità popolare, o ancora per l’indipendenza nazionale o per la giustizia sociale, come pure per il Risorgimento o la Resistenza.
La costruzione europea si è presentata subito come il frutto della ragione e, non a caso, il progetto europeo è considerato figlio del razionalismo neo-illuminista, come il prodotto del tentativo degli Europei del dopoguerra di trovare una soluzione alla crisi storica dello stato-nazionale, attraverso l’idea della federazione, vista come “l’allargamento dell’orbita dello Stato”, per dirla con Alexander Hamilton (The Federalist).
Può apparire paradossale che questa costruzione razionale dell’idea d’Europa nasca proprio in Gran Bretagna negli anni ’30 del secolo scorso, attorno a quel nucleo di intellettuali di Federal Union (da Lord Lothian a Lionel Robbins, da William Beveridge a Barbara Wootton), i cui testi furono per Altiero Spinelli un’autentica rivelazione: “Poiché andavo cercando chiarezza e precisione di pensiero, la mia attenzione non fu attratta dal fumoso e contorto federalismo ideologico di tipo proudhoniano o mazziniano, ma dal pensiero pulito e preciso di questi federalisti inglesi, nei cui scritti trovai un metodo per analizzare la situazione nella quale l’Europa stava precipitando, e per elaborare prospettive alternative” (da Come ho tentato di diventare saggio).
La costruzione europea, come idea della ragione o come una rivoluzione pacifica (Mario Albertini), è apparsa spesso come la fredda opera della necessità che s’impone sulle antiche passioni dei popoli europei, sulle loro storie secolari, grondanti di sangue e di martiri.
Ma la crisi europea di questi ultimi dieci anni ha risvegliato, anno dopo anno, gli antichi démoni: il separatismo e il nazionalismo, come risposta sbagliata (la globalizzazione senza il governo) all’interdipendenza crescente dell’umanità. E così stanno tornando quelle che Il Manifesto di Ventotene chiamava le aporie del passato.
Per contrastarle allora non basta più la sola ragione. Non basta dire che “senza l’Europa è peggio”, perché gli uomini cercano il meglio, non il meno peggio.
Quando la lotta diventa – come ora – tra il nazionalismo e il federalismo, allora occorre nutrirsi non solo della ragione, ma anche far emergere la passione per il progetto. Non la difesa dell’esistente – che soccombe sotto i colpi della demagogia populista – ma la prospettazione di un chiaro e semplice progetto federale per l’Europa. Capace di assegnare all’Europa le due cose fondamentali che l’affliggono: lo sviluppo e la sicurezza. E per tal via, elevare democrazia e sovranità oltre la nazione, riconciliandola con l’Europa.

Questo ci dice la morte di Jo Cox, caduta per l’Europa.

Antonio Longo
Presidente MFE Gallarate
Direttore de L’Unità Europea

Trovate il giornalino completo qui: https://issuu.com/brugio60/docs/04-16.07/1