A different and federalist world is possible

Home page

Genoa Social Forum

IV United Nations Peoples Assembly

March for Peace

World Social Forum

Federalist documents

IV Assembly of the United Nations of the People

Jef Italy position for March for Peace

*****************************************

JEF-Info Italiano - Edizione Straordinaria
*****************************************

COMUNICATO STAMPA - sabato 13 ottobre 2001
*****************************************

La Gioventu' Federalista Europea sulla Marcia per la pace

Perugia-Assisi -14 ottobre 2001


In qualita' di giovani federalisti europei sosteniamo con forza gli obiettivi della Marcia per la pace Perugia-Assisi. Come si afferma nell'appello lanciato il 10 settembre scorso: "Il mondo ha bisogno di governi e istituzioni internazionali democratiche determinate a mettere un
freno al crescente disordine internazionale, gestire le sfide dell'interdipendenza e promuovere il bene pubblico globale, contrastare e prevenire le guerre e le massicce violazioni dei diritti umani, sradicare la poverta' e garantire a tutti il libero accesso ai diritti sociali di base, la liberta' e l'esercizio dei diritti democratici, combattere la discriminazione in tutte le sue forme, combattere le epidemie, affrontare le emergenze ambientali e salvaguardare le risorse naturali per le generazioni future, promuovere equita' e giustizia distributiva nell'economia e nel commercio globale, orientare la ricerca scientifica e tecnologica a favore dello sviluppo umano e far si' che l'umanita' intera possa beneficiare dei progressi raggiunti." Insieme chiediamo cibo, acqua e lavoro per tutti.

Insieme ribadiamo che "nessuno di questi obiettivi sara' mai raggiunto dalla libera azione del mercato o dalla sua globalizzazione, per la semplice ragione che esso ha altre priorita' e obiettivi, e che per questo occorre che siano innanzitutto la politica, la societa' civile, le istituzioni democratiche, nazionali e internazionali, ad assumere l'iniziativa".

Insieme ribadiamo la consapevolezza, fondamento della nostra battaglia per la Federazione europea e mondiale, non sempre condivisa dal movimento per la pace, che "la democrazia deve superare i confini dello stato nazionale. dalla citta' fino alle Nazioni Unite". A questo proposito e' tuttavia insufficiente rivendicare "la democratizzazione del sistema internazionale, processi decisionali aperti e trasparenti", senza indicare quali istituzioni permetteranno di conseguire questi risultati. In assenza di istituzioni federali sovranazionali, nelle quali il conflitto tra Stati sovrani ceda il passo alla risoluzione giuridica delle controversie, come avviene oggi entro i confini nazionali, la cooperazione internazionale si rivelera' una chimera, destinata a venir meno non appena saranno messi in questione gli interessi nazionali di questo o quello Stato.

In tutto il mondo cresce la domanda di Europa. Solo la creazione di una Federazione europea, dotata di una propria politica estera e di sicurezza, indipendente da quella americana, fondata su un esercito europeo orientato alla prevenzione dei conflitti e un servizio civile europeo capace di creare una vera cittadinanza soprannazionale, di affermare la solidarieta' e il superamento di ogni nazionalismo politico e sociale dentro e fuori l'Europa, permettera' di mettere freno al crescente disordine internazionale. La Federazione europea sara', inoltre, il motore e il modello di analoghe federazioni regionali nel resto del mondo e costituira' l'indispensabile premessa per democratizzare le Nazioni Unite, trasformando il Consiglio di Sicurezza in un Senato delle grandi regioni del mondo e l'Assemblea Generale, che oggi si basa sull'inaccettabile principio "uno Stato un voto", in un'Assemblea Parlamentare fondata sul principio "un uomo un voto".

In qualita' di giovani federalisti europei riteniamo, infine, che il principio di autodeterminazione nazionale sia da sempre foriero di odi e divisioni tra gli uomini. Troppe volte nella storia sono scoppiate guerre in nome della sovranita' nazionale. Cosi', oggi, la soluzione "Israele e Palestina: due Stati per due Popoli", sostenuta nell'appello del 10 settembre, non potra' garantire la convivenza pacifica. Solo la creazione di una Unione federale tra lo Stato d'Israele e uno Stato Palestinese permettera' di superare il conflitto tra questi due popoli, nello stesso modo in cui l'unificazione europea ha permesso la pacificazione franco-tedesca, che diverra' irreversibile con la nascita della Federazione europea.

Per questi motivi invitiamo i cittadini, le associazioni e le istituzioni presenti a Perugia ad essere con noi a Laeken (Bruxelles) il 14 dicembre prossimo per rivendicare la Costituzione federale Europea, come premessa per costruire insieme un mondo di pace per tutti.

Francesco Ferrero
Segretario Generale
Gioventu' Federalista Europea
Via Schina, 26
I-10144 Torino
Tel e Fax 011.473.28.43

Samuele Pii
Presidente
Gioventu' Federalista Europea
Via S. Spirito, 41
I-50125 Firenze
Tel e Fax 055.28.28.82

JEF | UEF | MFE | GSF | Round Table Peace | WSF